VERONA – ROMA – FORMIA – VENTOTENE

PROGRAMMA DI VIAGGIO

13 SETTEMBRE: VERONA – ROMA – FORMIA – VENTOTENE

Partenza con il treno dalla stazione di Verona Porta Nuova alle 7.52. Arrivo a Roma Termini alle 10.45. Cambio di treno e partenza alle 11.26 con arrivo alla stazione di Formia alle 12.33. Pranzo libero. Alle 15.30 partenza del traghetto veloce con arrivo al porto di Ventotene alle 16.30. Trasferimento all’ Hotel Calabattaglia e sistemazione nelle camere riservate. Cena in Hotel. Pernottamento

14 SETTEMBRE: VENTOTENE

Prima colazione e cena in hotel. Giornata a disposizione, visita guidata alle Cisterne o a Villa Giulia.

15 SETTEMBRE: VENTOTENE

Prima colazione e cena in Hotel. Giornata a disposizione, giro dell’ isola e di Santo Stefano in barca.

16 SETTEMBRE: VENTOTENE – FORMIA – ROMA – VERONA

Dopo la prima colazione trasferimento al porto e partenza per Formia alle 13.30 con arrivo alle 14.30. Trasferimento libero in stazione e partenza con il treno alle 15.48. Arrivo a Roma Termini alle 17.24. Cambio treno e partenza alle 17.45. Arrivo a Verona Porta Nuova alle 20.37

QUOTA PER PERSONA IN DOPPIA 420,00

SUPPLEMENTO SINGOLA 45,00

La quota comprende: – treno in 2° Verona-Roma-Formia e ritorno

Traghetto Formia –Ventotene e ritorno

Trasferimenti porto/htl/porto

3 notti in mezza pensione Hotel Calabattaglia

Visita guidata alle Cisterne

Giro dell’ isola in barca

Prenotazioni accompagnate da nome e cognome e da un acconto di 200,00 . Saldo entro il 20 agosto 2018

ADIGEVIAGGI srl

BPM VERONA

IBAN: IT22K0503411750000000151607

 

Per informazioni contattare informazioni@adigeviaggi.it

 

Cos’è Ventotene

 

È un’isola piccola, assoluta e lenta. Assoluto il suo mare, il suo azzurro intenso, ma assoluta anche la sua terra, i suoi frutti.

Poco più di 2 chilometri di terra vulcanica, attraversata da una storia lunga 2.000 anni, appare come la sagoma di una balena vista da lontano, circondata da mare e puntellata dai colori tenui delle case basse.

Ventotene regala emozioni profonde, e in ogni stagione offre la massima espressione di quello che è un’isola del Mediterraneo. Gli inverni silenziosi, sottolineati dal vento e dal rumore dei passi dei suoi pochi abitanti. La primavera che esplode improvvisa, svelando in mezzo ad una terra essenziale profumi e colori intensi, da vivere con tutti i sensi all’erta. Estati assolate, con il mare protagonista sopra e sotto, con fondali tra i più belli del Mediterraneo accessibili anche solo per una nuotata, le poche spiagge, le scogliere fragili in continuo mutamento.

Una vita isolana fatta di ritmi lenti, di incontri rituali al bar, in piazza, al porto, di chiacchiere sotto le pergole delle case di campagna, un’isola dove ognuno può trovare il suo angolo preferito. Le notti sono davvero stellate, tutte da vivere nei piccoli e mai eccessivi locali dell’isola, o passeggiando alla scoperta di angoli silenziosi, ma soprattutto nella libertà di ciascuno di inventare notti magiche.

 

10 cose da sapere su Ventotene

 

È un’isola dell’arcipelago pontino, in provincia di Latina

Era originariamente chiamata Pandataria

Si dice fosse “l’isola delle sirene” di Ulisse

Ha vissuto qui in esilio Giulia, figlia dell’imperatore romano Augusto

Ha due porti attigui, di cui uno di epoca romana

Si trova all’interno di un’Area Marina Protetta, paradiso per i sub

È un’importante tappa per gli uccelli migratori (e per gli ornitologi)

Ha di fronte un isolotto, Santo Stefano, sede di un carcere borbonico attivo fino agli anni ’60

È stato scritto qui il Manifesto del federalismo europeo

Con 743 abitanti e 2 km quadrati di superficie, è il più piccolo comune dell’Italia centrale